Ventotene
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
Utenti online
Nessuno
Home

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

DECRETO 18 aprile 2014

Approvazione del regolamento di esecuzione e di organizzazione

dell'area marina protetta «Isole di Ventotene e Santo Stefano».

(14A03682)

(GU n.112 del 16-5-2014 - Suppl. Ordinario n. 40)

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

Vista la legge 31 dicembre 1982, n. 979, recante disposizioni per

la difesa del mare;

Vista la legge 8 luglio 1986, n. 349, istitutiva del Ministero

dell'ambiente;

Vista la legge quadro sulle aree protette 6 dicembre 1991, n. 394,

e successive modifiche ed integrazioni;

Visto l'art. 1, comma 10, della legge 24 dicembre 1993, n. 537, con

quale le funzioni del soppresso Ministero della marina mercantile in

materia di tutela e difesa dell'ambiente marino sono trasferite al

Ministero dell'ambiente;

Visto l'art. 2, comma 14, della legge 9 dicembre 1998, n. 426, con

il quale e' stata soppressa la consulta per la difesa del mare dagli

inquinamenti;

Visto il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, di riforma

dell'organizzazione del Governo;

Vista la legge 23 marzo 2001, n. 93 e, in particolare, l'art. 8,

comma 8, con il quale e' venuto meno il concerto con il Ministro

della marina mercantile previsto dall'art. 18, conama 1, della legge

6 dicembre 1991, n. 394;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 3 agosto 2009, n.

140 recante il Regolamento di riorganizzazione del Ministero

dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare e, in

particolare, l'art. 5, comma 1, lettere a) che attribuisce alla

Direzione generale per la protezione della natura e del mare le

funzioni in materia di istituzione, conservazione e valorizzazione

sostenibile delle aree naturali protette terresti e marine;

Visto il decreto legislativo 18 luglio 2005, n. 171, recante il

nuovo codice della nautica da diporto;

Vista l'intesa stipulata il 14 luglio 2005 fra il Governo, le

regioni, le province autonome e le autonomie locali ai sensi

dell'art. 8, comma 6, della legge 5 giugno 2003, n. 131, in materia

di concessioni di beni del demanio marittimo e di zone di mare

ricadenti nelle aree marine protette, pubblicata sulla Gazzetta

Ufficiale n. 174 del 28 luglio 2005;

Visto il decreto interministeriale del 12 dicembre 1997, pubblicato

sulla Gazzetta Ufficiale n. 45 del 24 febbraio 1998, di istituzione

dell'area marina protetta denominata "Isole di Ventotene e Santo

Stefano";

Vista la convenzione del 6 novembre 2001 con la quale l'area marina

protetta "Isole di Ventotene e Santo Stefano" e' stata affidata in

gestione al Comune di Ventotene;

Vista la proposta di Regolamento di esecuzione e organizzazione

dell'area marina protetta "Isole di Ventotene e Santo Stefano",

trasmessa in data 7 luglio 2009 dal Comune di Ventotene, in qualita'

di ente gestore, successivamente integrata e modificata dal medesimo

ente gestore sulla base degli esiti dell'istruttoria tecnica svolta

dalla preposta segreteria tecnica per la tutela del mare e la

navigazione sostenibile;

Visto il decreto legge del 6 luglio 2012 n. 95, convertito con

modificazioni dalla legge 7 agosto 2012, n. 135 con il quale la

segreteria tecnica per tutela del mare e la navigazione sostenibile

e' stata soppressa e le relative funzioni sono state trasferite ai

cornpetenti uffici della Direzione Generale per la protezione della

natura e del mare;

Viste le ulteriori richieste di modifica e integrazioni formulate

dall'ente gestore in data 13 dicembre 2012 sulla base degli esiti del

processo di condivisione svolto in sede locale in merito alla

proposta di Regolamento di esecuzione e organizzazione dell'area

*** ATTO COMPLETO *** http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

1 di 20 21/05/2014 14:03

marina protetta;

Vista la nota prot. PNM-IV-21122 del 15 marzo 2013 con la quale, ad

esito del supplemento istruttorio svolto, la proposta di Regolamento

e' stata trasmessa all'Ente gestore per il parere della Commissione

di Riserva;

Visto il parere obbligatorio e non vincolante espresso dalla

Commissione di riserva nella seduta dell'11 ottobre 2013 sulla

proposta di Regolamento di esecuzione e organizzazione dell'area

marina protetta "Isole di Ventotene e Santo Stefano";

Visto l'art. 28, ultimo comma, della legge 31 dicembre 1992, n.

979, cosi' come sostituito dall'art. 2, comma 12, della legge 8

luglio 1986, n. 349, in base al quale il Regolamento di esecuzione e

organizzazione e' approvato con decreto del Ministro dell'ambiente e

della tutela del territorio e del mare;

Ritenuto di procedere all'approvazione del Regolamento di

esecuzione e organizzazione dell'area marina protetta "Isole di

Ventotene e Santo Stefano", sulla base dell'istruttoria e degli

approfondimenti tecnici svolti in merito alla proposta di Regolamento

presentata dall'ente gestore;

Decreta:

Art. 1

E' approvato Regolamento di esecuzione e organizzazione dell'area

marina protetta "Isole di Ventotene e Santo Stefano", allegato al

presente decreto per formarne parte integrante.

Roma, 18 aprile 2014

Il Ministro: Galletti

Allegato

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE ED ORGANIZZAZIONE

DELL'AREA MARINA PROTETTA «ISOLE DI VENTOTENE E S. STEFANO"

TITOLO I

DISPOSIZIONI GENERALI

Articolo 1 - Oggetto

1. Il presente Regolamento stabilisce la disciplina di

organizzazione dell'area marina protetta "Isole di Ventotene e S.

Stefano", nonche' la normativa di dettaglio e le condizioni di

esercizio delle attivita' consentite all'interno dell'area marina

protetta medesima, come delimitata ai sensi dell'art. 2 del decreto

istitutivo del 12 dicembre 1997 e nel rispetto della zonazione e

della disciplina generale delle attivita' consentite di cui al

decreto istitutivo medesimo, nonche' della pertinente normativa

comunitaria, nazionale e regionale, in quanto applicabile.

2. Le disposizioni del presente Regolamento costituiscono le

misure di conservazione per i Siti di Importanza Comunitaria (SIC)

IT6000018 "Fondali circostanti l'isola di Ventotene" e IT6000019

"Fondali circostanti l'Isola di S. Stefano" e per la Zona di

Protezione Speciale (ZPS) IT6040019 "Isola di Ponza, Palmarola,

Zannone, Ventotene e S. Stefano", ricadenti all'interno del

territorio dell'area marina protetta

Articolo 2 - Definizioni

1. Ai fini del presente Regolamento si intende:

a) «accesso», l'ingresso, da terra e da mare, all'interno

dell'area marina protetta delle unita' navali al solo scopo di

raggiungere porti, approdi, aree predisposte all'ormeggio o aree

individuate dove e' consentito l'ancoraggio;

b) «acquacoltura», l'insieme delle pratiche volte alla

produzione di individui di specie animali e vegetali in ambiente

acquatico mediante il controllo, parziale o totale, diretto o

indiretto, del ciclo di sviluppo degli organismi acquatici;

c) «ancoraggio», l'insieme delle operazioni per assicurare la

tenuta al fondale delle unita' navali, effettuato esclusivamente

dando fondo all'ancora o altri mezzi di bordo;

d) «balneazione», l'attivita' esercitata a fine ricreativo che

consiste nel fare il bagno e nel nuotare, che puo' essere praticata

anche con l'impiego di maschera e boccaglio, pinne, calz,ari e guanti

e che puo' comportare il calpestio dei fondali e dei tratti di costa

fino alla massima escursione di marea;

e) «campi ormeggio», aree adibite alla sosta delle unita' da

diporto, attrezzate con gavitelli ancorati al fondale, disposti in

file ordinate e segnalati per la sicurezza della navigazione. Anche

*** ATTO COMPLETO *** http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

2 di 20 21/05/2014 14:03

detti campi boe;

f) «centri di immersione», le imprese o associazioni che

operano nel settore turistico-ricreativo subacqueo e che offrono

servizi di immersioni, visite guidate e addestramento;

g) «imbarcazione», qualsiasi unita' da diporto con scafo di

lunghezza da 10 a 24 metri, come definito ai sensi del decreto

legislativo 18 luglio 2005, n. 171;

h) «immersione subacquea», l'insieme delle attivita' effettuate

con o senza l'utilizzo di apparecchi ausiliari per la respirazione

(autorespiratori), finalizzate all'osservazione dell'ambiente marino

e all'addestramento subacqueo;

i) «locazione di unita' navale», il contratto con il quale una

delle parti si obbliga, dietro corrispettivo, a cedere il godimento

dell'unita' da diporto per un periodo di tempo determinato, come

definito ai sensi del decreto legislativo 18 luglio 2005, n 171;

j) «misure di premialita' ambientale», disposizioni

differenziate ed incentivi, anche economici, finalizzati alla

promozione delle attivita' che implicarlo un minore impatto

ambientale che possono costituire titolo preferenziale nel rilascio

delle autorizzazioni, agevolazioni negli accessi, equiparazione ai

residenti , tariffe scontate per i servizi e i canoni dell'area

marina protetta;

k) «monitoraggio», la sorveglianza regolare dell'andamento dei

parametri indicatori dello stato e dei processi, finalizzata alla

valutazione delle deviazioni da uno standard determinato;

l) "natante", unita' da diporto con scafo di lunghezza pari o

inferiore a 10 m;

m) "nave da diporto", unita' da diporto con scafo di lunghezza

seriore ai 24 m come definite ai sensi della legge 11 febbraio 1971,

n. 50 e successive integrazioni e modificazioni;

n) «navigazione», il movimento via mare di qualsiasi

costnizione destinata al trasporto per acqua;

o) "noleggio di unita' navale", il contratto con il quale una

delle parti, in corrispettivo del nolo pattuito, si obbliga a mettere

a disposizione dell'altra unita' da diporto, per un periodo

determinato, alle condizioni stabilite dal contratto; l'unita'

noleggiata rimane nella disponibilita' del noleggiante, alle cui

dipendenze resta l'equipaggio come definito ai sensi del decreto

legislativo 18 luglio 2005, n. 171;

p) «ormeggio», l'insieme delle operazioni per assicurare le

unita' navali a un'opera portuale fissa, quale banchina, molo o

pontile, ovvero a un'opera mobile, in punti localizzati e

predisposti, quale pontile galleggiante o gavitello;

q) «pesca ricreativa e sportiva», l'attivita' di pesca

esercitata a scopo ricreativo e agonistico;

r) «pesca subacquea», l'attivita' di pesca, sia professionale

sia sportiva, esercitata in immersione con o senza uso di apparecchi

ausiliari;

s) «pescaturismo», l'attivita' integrativa alla piccola pesca

artigianale, come disciplinata dal decreto ministeriale 13 aprile

1999, n. 293, che definisce le modalita' per gli operatori del

settore di ospitare a bordo delle proprie imbarcazioni un certo

numero di persone, diverse dall'equipaggio, per lo svolgimento di

attivita' turistico-ricreative;

t) «piccola pesca artigianale», la pesca artigianale esercitata

a scopo professionale per mezzo di imbarcazioni aventi lunghezza

fuori tutto inferiore a 12 metri, esercitata con attrezzi da posta,

ferrettara, palangari, lenze e arpioni, come previsto dal decreto

ministeriale 14 settembre 1999 e compatibilmente a quanto disposto

dal regolamento CE n. 1967/2006 del Consiglio del 21 dicembre 2006,

relativo alle misure di gestione della pesca nel mar Mediterraneo e

dai successivi Piani di Gestione Nazionale adottati in conformita'

degli articoli 18 e 19 del regolamento medesimo;

u) «residente», la persona fisica iscritta all'anagrafe del

Comune ricadente nell'area marina protetta, nonche' la persona

giuridica con sede legale ed operativa in uno dei Comuni ricadenti

nell'area marina protetta;

v) «ripopolamento attivo», l'attivita' di trasloe,azione

artificiale di individui appartenenti ad una entita' faunistica che

e' gia' presente nell'area di rilascio;

w)«transito», il passaggio delle unita' navali all'interno

dell'area marina protetta;

x) «trasporto di linea», l'attivita' di trasporto passeggeri

svolta da unita' adibite e autorizzate a tale scopo, condotte da

personale marittimo, di proprieta' di societa' e armatori;

y) «trasporto passeggeri» l'attivita' professionale svolta da

imprese e associazioni abilitate, con l'utilizzo di unita' navali

adibite al trasporto passeggeri, lungo itinerari e percorsi

prefissati ed in orari stabiliti;

z) «unita' navale», qualsiasi costruzione destinata al

trasporto per acqua, come definito all'art. 136 del codice della

navigazione;

aa) «visite guidate», le attivita' professionali svolte, a

fronte del pagamento di un corrispettivo, da guide turistiche

iscritte a imprese e associazioni, a terra e a mare, con l'utilizzo

*** ATTO COMPLETO *** http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

3 di 20 21/05/2014 14:03

di unita' navali adibite allo scopo, fmalizzate all'osservazione

dell'ambiente marino emerso e costiero;

bb) «visite guidate subacquee», le attivita' professionali

svolte da guide o istmttori afferenti ai centri di immersione

autorizzati dal soggetto gestore, con l'utilizzo di unita' navali

adibite allo scopo e l'accompagnamento dei subacquei in immersione,

finalizzate all'osservazione dell'ambiente marino, nonche' alla

didattica subacquea;

cc) «zonazione», la suddivisione dell'area marina protetta in

zone sottoposte a diverso regime di tutela ambientale.

Articolo 3 - Finalita', delimitazione e attivita' non consentite

nell'area marina protetta

1. Sono fatte salve le finalita', la delirnitazione dell'area

marina protetta «Isole di Ventotene e S. Stefano» e le attivita' non

consentite, come previste dagli articoli 2, 3 e 4 del decreto

istitutivo del 12 dicembre 1997.

TITOLO II

ORGANIZZAZIONE DELL'AREA MARINA PROTETTA

Articolo 4 - Gestione dell'area marina protetta

1. La gestione dell'area marina protetta «Isole di Ventotene e S.

Stefano», e' affidata al soggetto gestore Comune di Ventotene,

individuato, ai sensi dell'art. 19 della legge 6 dicembre 1991, n.

394, come integrato dall'art. 2, comma 37, della legge 9 dicembre

1998, n. 426 e successive modifiche.

2. Il Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del

mare definisce, con apposita convenzione, gli obblighi e le modalita'

per lo svolgimento delle attivita' di gestione dell'area marina

protetta a cui deve attenersi il soggetto gestore.

3. Costituiscono obblighi essenziali per il soggetto gestore:

a) il rispetto degli impegni assunti in materia di reperimento

ed utilizzo delle risorse umane, ai sensi dell'art. 8 della legge 31

luglio 2002, n. 179;

b) il rispetto degli obblighi previsti dalla vigente normativa

in materia di segnalazione delle aree marine protette.

4. Il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del

mare, previa messa in mora del soggetto gestore, puo' revocare con

proprio provvedimento l'affidamento in gestione in caso di comprovata

inadempienza, inosservanza, irregolarita' da parte del soggetto

gestore a quanto previsto dal decreto istitutivo, dal presente

Regolamento, dalla convenzione di cui al comma 2 e dalla normativa

vigente in materia.

5. Ai sensi dell'art. 2, comma 3, e dell'art. 3, comma 4, del

decreto ministeriale 17 dicembre 2007, al soggetto gestore dell'area

marina protetta "Isola di Ventotene e S.Stefano" e' affidata altresi'

la gestione dei SIC e della ZPS e delle designande ZSC ricadenti

nell'area marina protetta, intendendo per gestione tutte le attivita'

tecniche, amministrative e gestionali operative, atte a garantire la

conservazione ottimale dei detti siti Natura 2000.

6. Il soggetto gestore in quanto gestore dei SIC e della ZPS e

delle designande ZSC:

a) contribuisce all' attivita' di reporting di competenza

regionale ai sensi dell'art. 13 del D.P.R. 8 settembre 1997, n. 357,

e ssanni.ii., attxaverso la raccolta dei dati di monitoraggio di

habitat e specie di interesse comunitario presenti tutelati dalla

Direttiva Habitat;

b) effettua, ai sensi dell'art. 5 del decreto ministeriale. 17

ottobre 2007, il monitoraggio delle popolazioni di specie ornitiche

protette dalla Direttiva n. 147/2009/CE, ed in particolare quelle

dell'Allegato I o comunque riconosciuti a priorita' di conservazione

dalla stessa Direttiva.

Articolo 5 - Responsabile dell'Area Marina Protetta

1. Il responsabile dell'area marina protetta e' individuato e

nominato dal soggetto gestore tra soggetti aventi adeguate competenze

professionali e specifica esperienza in materia di gestione, anche

sulla base dei requisiti stabiliti con decreto del Ministero

dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare.

2. L'incarico di responsabile dell'area marina protetta viene

conferito dal soggetto gestore, previa valutazione di legittimita'

del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare,

mediante stipula di un contratto di diritto privato secondo modalita'

stabilite con decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del

territorio e del mare.

3. Al responsabile dell'area marina protetta sono attribuite le

seguenti funzioni relative all'organizzazione ed al funzionamento

dell'area marina protetta:

*** ATTO COMPLETO *** http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

4 di 20 21/05/2014 14:03

a. predisposizione ed attuazione dei programmi di gestione e

valorizzazione nonche' dei relativi progetti ed interventi;

b. predisposizione del bilancio preventivo e del conto

consuntivo;

c. raccordo delle sue funzioni con i competenti organi del

soggetto gestore, con la Commissione di riserva;

d. attuazione delle direttive del Ministero dell'ambiente e

della tutela del territorio e del mare per il perseguimento delle

finalita' proprie dell'area marina protetta;

e. promozione di progetti anche mediante l'acquisizione di

finanziamenti pubblici nazionali, comunitari e privati;

f. promozione di iniziative per lo sviluppo di attivita'

economiche compatibili con le finalita' dell'area marina protetta;

g. qualsiasi altro compito affidato dal soggetto gestore.

4. Il responsabile dell'area marina protetta esercita le funzioni

attribuitegli, secondo le direttive impartite dal soggetto gestore.

Articolo 6 - Commissione di riserva

1. La Commissione di riserva, istituita presso il soggetto

gestore dell'area marina protetta, con decreto del Ministro

dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare ai sensi

dell'art. 28, comma 3, della legge 31 dicembre 1982, n. 979 e

successive modifiche, da ultimo contenute nell'art. 2, comma 339,

della legge 24 dicembre 2007 n. 244, affianca il soggetto delegato

nella gestione dell'area, formulando proposte e suggerimenti per

tutto quanto attiene al funzionamento dell'area marina protetta ed

esprimendo il proprio parere su:

a. le proposte di aggiornamento del decreto istitutivo;

b. le proposte di modifica e aggiornamento della zonazione e

della disciplina delle attivita' consentite nelle diverse zone;

c. la proposta di regolamento di esecuzione e di organizzazione

dell'area marina protetta e le successive proposte di aggiornamento;

d. il programma annuale relativo alle spese di gestione.

2. Il parere della Commissione di riserva e' reso nel termine di

trenta giorni dal ricevimento della richiesta inviata da parte del

soggetto gestore; decorso tale termine, il soggetto gestore puo'

procedere indipendentemente dall'acquisizione del parere. Qualora,

per esigenze istruttorie, non possa essere rispettato il termine di

cui al presente comma, tale termine puo' essere interrotto per una

sola volta e, in tal caso, il parere deve essere reso definitivamente

entro quindici giorni dal ricevimento degli elementi istruttori

integrativi forniti dal soggetto gestore.

3. La Commissione e' convocata dal Presidente ogni qualvolta lo

ritenga necessario. Il Presidente e' comunque tenuto a convocare la

Commissione, che si riunisce eventualmente anche con l'ausilio di

teleconferenza, per esprimere il parere sugli atti di cui al comma 1,

e qualora lo richieda la meta' piu' uno dei componenti della

medesima.

4. La convocazione della Commissione avviene almeno dieci giorni

prima della data fissata per la seduta, con una delle seguenti

modalita': lettera raccomandata, telegramma, fax, posta elettronica

certificata; deve contenere l'ordine del giorno unitamente alla

relativa documentazione. In caso di urgenza, la convocazione puo'

essere inviata entro tre giorni dalla data fissata per la seduta.

5. I verbali della Commissione sono inviati al responsabile

dell'area marina protetta che ne cura la trasmissione al soggetto

gestore e al Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e

del mare.

6. Ai componenti della Commissione viene corrisposto un rimborso

per le spese di viaggio, vitto e alloggio sostenute, previa

presentazione della documentazione giustificativa, nei limiti di cui

alla vigente normativa in materia di trattamento economico di

missione e di trasferimento dei dirigenti statali di prima fascia.

7. Ai lavori della Commissione di riserva partecipa il

Responsabile dell'area marina protetta o un suo incaricato con

funzione consultiva.

8. Le funzioni di segreteria della Commissione sono assolte dal

personale del soggetto gestore appositamente incaricato.

TITOLO III: DISCIPLINA DI DETTAGLIO E CONDIZIONI DI ESERCIZIO DELLE

ATTIVITA' CONSENTITE

Articolo 7 - Zonazione e attivita' consentite nelle zone dell'area

marina protetta

1. Sono fatte salve la zonazione e la disciplina delle attivita'

consentite nelle diverse zone dell'area marina protetta "Isole di

Ventotene e Santo Stefano", di cui all' art. 4 del decreto istitutivo

12 dicembre 1997.

Articolo 8 - Disciplina degli scarichi idrici

1. Nell'area marina protetta non e' consentita alcuna

*** ATTO COMPLETO *** http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

5 di 20 21/05/2014 14:03

alterazione, diretta o indiretta, delle caratteristiche biochimiche

dell'acqua, ivi compresa l'immissione di qualsiasi sostanza tossica o

inquinante, la discarica di rifiuti solidi o liquidi e l'immissione

di scarichi non in regola con le piu' restrittive prescrizioni

previste dalle normative vigenti.

2. Tutti i servizi di ristorazione e ricettivita' turistica, gli

esercizi di carattere turistico e ricreativo con accesso al mare, e

gli stabilimenti balneari, devono dotati di allacciamenti al sistema

fognario pubblico, ovvero di sistemi di smaltimento dei reflui

domestici.

Articolo 9 - Disciplina degli ammassi di foglie di Posidonia oceanica

1. Fatte salve le normative vigenti in materia di pulizia delle

spiagge e di gestione dei rifiuti, nell'area marina protetta gli

ammassi di foglie di Posidonia oceanica accunriulati sulle spiagge

(banquettes) sono trattati secondo le seguenti modalita':

- nelle zone A e B non e' consentita la loro movimentazione e/o

rimozione, al fine di favorire la naturale funzione antierosiva e di

stabilizzazione della linea di riva operata dagli accumuli di foglie,

nonche' di salvaguardare l'integrita' degli habitat marini e

costieri;

- nella zona C, laddove si verifichino oggettive condizioni di

incompatibilita' fra ammassi di foglie di Posidonia oceanica e la

frequentazione delle spiagge (fenomeni putrefattivi in corso,

mescolamento dei detriti vegetali con rifiuti), il soggetto gestore

puo' autorizzare la loro movimentazione in zone di accumulo

temporaneo oppure la loro rimozione definitiva e il loro trattamento

come rifiuti, nel rispetto della normativa vigente.

2. La mancata osservanza delle disposizioni del comma l comporta

ramificazione delle sanzioni di cui al successivo art. 35.

Articolo 10 - Disciplina delle attivita' di soccorso, sorveglianza e

servizio

1. Nell'area marina protetta sono consentite le attivita' di

soccorso e sorveglianza, nonche' le attivita' di servizio svolte da e

per conto del soggetto gestore.

Articolo 11 - Disciplina delle attivita' di ricerca scientifica

1. Nell'area marina protetta la ricerca scientifica e' consentita

previa autorizzazione del soggetto gestore.

2. Alla richiesta di autorizzazione per lo svolgimento delle

attivita' di ricerca scientifica deve essere allegata una relazione

esplicativa inerente i seguenti temi:

a. tipo di attivita' e obiettivi della ricerca;

b. parametri analizzati;

c. area oggetto di studio e piano di campionamento, con

localizzazione delle stazioni di prelievo e di analisi;

d. mezzi ed attrezzature utilizzati ai fini del prelievo e

delle analisi;

e. tempistica della ricerca e personale coinvolto.

3. Il prelievo di organismi e campioni e' consentito per soli

motivi di studio, previa autorizzazione del soggetto gestore.

4. Il rilascio dell'autorizzazione implica l'obbligo di esporre i

contrassegni autorizzativi rilasciati dal soggetto gestore, che

comprendono sia bandiere o pannelli da issare solo durante

l'esercizio dell'attivita' autorizzata, sia pannelli e/o adesivi da

esporre sull'unita' navale.

5. Le autorizzazioni di cui ai commi 1 e 3 sono rilasciate

esclusivamente a fronte di una dichiarazione di impegno del

richiedente a fornire al soggetto gestore una relazione

tecnico-scientifica sull'attivita' svolta e sui risultati della

ricerca, nonche' copia delle pubblicazioni risultate dagli studi

effettuati in cui dovra' essere citata la collaborazione con l'area

marina protetta, nonche' il consenso al soggetto gestore di

utilizzare per finalita' istituzionali i dati scaturenti dalle

ricerche, con il solo vincolo di citazione della fonte.

6. La richiesta di autorizzazione ad eseguire l'attivita' di

ricerca scientifica deve essere presentata almeno 30 giorni prima

della data prevista di inizio attivita'.

7. I programmi di ricerca scientifica nell'area marina protetta

finalizzati al controllo della qualita' dell'ambiente marino devono

essere eseguiti nel rispetto delle metodiche di cui ai protocolli

operativi stabiliti dal Ministero dell'ambiente e della tutela del

territorio e del mare nell'ambito del programma nazionale per il

monitoraggio dell'ambiente marino-costiero.

8. I programmi di ricerca scientifica nell'area marina protetta

coordinati dal Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio

e del mare sono consentiti, previa comunicazione al soggetto gestore

e alla Capitaneria di porto competente almeno 10 giorni prima

dell'inizio delle attivita', fornendo le medesime indicazioni di cui

al corruna 2. Al termine dell'attivita' il richiedente e' tenuto a

fornire al soggetto gestore una relazione tecnico-scientifica

*** ATTO COMPLETO *** http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

6 di 20 21/05/2014 14:03

sull'attivita' svolta e sui risultati della ricerca, nonche' consenso

al soggetto gestore di utilizzare per finalita' istituzionali dati

scaturenti dalle ricerche, con il solo vincolo di citazione della

fonte.

9. Nell'ambito dei programmi di ricerca scientifica per le

finalita' di monitoraggio e gestione dell'area marina protetta,

specifici incarichi possono essere affidati a istituti, enti,

associazioni o organismi esterni, nonche' ad esperti di comprovata

specializzazione nei modi di legge.

10. Ai fini del rilascio dell'autorizzazione per lo svolgimento

delle attivita' di ricerca scientifica nell'area marina protetta, i

richiedenti devono versare al soggetto gestore un corrispettivo a

titolo di diritto di segreteria e rimborso spese, secondo le

modalita' indicate al successivo art. 31.

Articolo 12 - Disciplina delle attivita' di riprese fotografiche,

cinematografiche e televisive

1. Nell'area marina protetta sono consentite attivita' amatoriali

di ripresa fotografica, cinematografica e televisiva.

2. Le riprese fotografiche, cinematografiche e televisive

professionali, a scopo commerciale o con fini di lucro, salvo casi di

prevalente interesse pubblico all'informazione, devono essere

preventivamente autorizzate dal soggetto gestore.

3. Le riprese sono consentite secondo le disposizioni e le

limitazioni indicate dal soggetto gestore all'atto

dell'autorizzazione e comunque senza arrecare disturbo alle specie

animali e vegetali e all'ambiente naturale dell'area marina protetta

in genere.

4. Il personale preposto alla sorveglianza puo' impedire

l'esecuzione e la prosecuzione delle attivita' di cui al presente

articolo, ove le giudichi pregiudizievoli ai fini della tutela del

patrimonio naturale e culturale nonche' della tranquillita' dei

luoghi dell'area marina protetta.

5. Il soggetto gestore puo' acquisire copia del materiale

fotografico e audiovisivo professionale prodotto, per motivate

ragioni istituzionali e previo consenso dell'autore, anche al fine

dell'utilizzo gratuito, fatta salva la citazione della fonte.

6. La pubblicazione e produzione dei materiali fotografici e

audiovisivi deve riportare per esteso il nome dell'area marina

protetta.

7. Ai fini del rilascio dell'autorizzazione per lo svolgimento

delle attivita' di cui al presente articolo, i richiedenti devono

versare al soggetto gestore un corrispettivo a titolo di diritto di

segreteria e rimborso spese, secondo le modalita' indicate al

successivo art. 31.

Articolo 13 - Disciplina dell'attivita' di balneazione

1. Nella zona A non e' consentita la balneazione.

2. Nella zone B e C la balneazione e' liberamente consentita, nel

rispetto delle ordinanze della competente Autorita' marittima.

Articolo 14 - Disciplina delle immersioni subacquee

1. Nella zona A non sono consentite le immersioni subacquee

individuali o in gruppo.

2. Nella zona B le immersioni subacquee, svolte in modo

individuale o in gruppo, sono consentite previa autorizzazione del

soggetto gestore, compatibilmente con l'esigenza di contingentare i

flussi turistici, esclusivamente secondo le seguenti modalita':

a. nei siti e secondo gli orari determinati dal soggetto

gestore;

b. in caso d'immersioni individuali con autorespiratore,

esclusivamente se in possesso di brevetto di secondo livello;

c. in caso di immersioni effettuate in gruppo, in presenza di

una guida in possesso di brevetto di almeno di secondo livello,

individuato all'atto dell' autorizzazione da parte del soggetto

gestore, in un numero di subacquei non superiore a 6;

d. il numero massimo giornaliero di subacquei per ogni sito

d'immersione e' fissato in 12 subacquei;

e. in ciascun sito l'immersione deve svolgersi entro il raggio

di 100 metri calcolato dalla verticale del punto di ormeggio;

f. le immersioni sono consentite dall'alba al tramonto.

3. Nella zona C le immersioni subacquee sono liberamente

consentite ai subacquei residenti nel Comune ricadente nell'area

marina protetta e, previa autorizzazione del soggetto gestore, ai

subacquei non residenti nel medesimo Comune.

4. Le immersioni subacquee devono svolgersi nel rispetto del

seguente codice di condotta:

a. non e' consentito il contatto con il fondo marino,

l'asportazione anche parziale e il danneggiamento di qualsiasi

materiale e/o organismo di natura geologica, biologica e

archeologica;

b. non e' consentito dare da mangiare e/o arrecare disturbo

*** ATTO COMPLETO *** http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

7 di 20 21/05/2014 14:03

agli organismi marini, introdurre o abbandonare qualsiasi tipo

materiale;

c. non e' consentito l'uso di mezzi ausiliari di propulsione

subacquea, ad eccezione di quelli eventualmente utilizzati dalle

persone disabili, previa autorizzazione del soggetto gestore;

d. e' fatto obbligo di mantenere l'attrezzatura subacquea

quanto piu' possibile aderente al corpo;

e. e' fatto obbligo di segnalare al soggetto gestore o alla

locale Autorita' marittima la presenza sui fondali di relitti, di

rifiuti o materiali pericolosi e attrezzi da pesca abbandonati;

f. e' fatto obbligo di informarsi preventivamente sulle

caratteristiche ambientali e sulle regolamentazioni dell'area marina

protetta, in particolare dello specifico sito d'immersione;

5. L'ormeggio delle unita' a supporto delle immersioni subacquee

e' consentito, per il tempo strettamente sufficiente per effettuare

l'immersione, ai gavitelli singoli contrassegnati e appositamente

predisposti dal soggetto gestore, posizionati compatibilmente con

l'esigenza di tutela dei fondali.

6. La navigazione nell'area marina protetta delle unita' a

supporto delle immersioni subacquee e' consentita a velocita' non

superiore a 5 nodi, entro la distanza di 300 metri dalla costa, e a

velocita' non superiore a 10 nodi, entro la fascia di mare compresa

tra i 300 metri e i 600 metri dalla costa, esclusivamente in assetto

dislocante.

7. In relazione alle esigenze di tutela ambientale sottese al

provvedimento istitutivo e al fine di determinare la capacita' di

carico dei siti di immersione, il soggetto gestore effettua il

monitoraggio delle attivita' subacquee e adegua, con successivi

provvedimenti, la disciplina delle immersioni subacquee, prevedendo

in particolare:

a. il numero massimo di immersioni al giorno, per ciascun sito

e in totale;

b. i siti di immersione piu' adeguati e/o a tema;

c. il numero e posizione dei gavitelli destinati all'ormeggio;

d. gli eventuali punti attrezzati idonei per l'ormeggio;

e. gli incentivi per la destagionalizzazione delle attivita'

subacquee;

f. i criteri che costituiscono titolo preferenziale ai fini del

rilascio dell'autorizzazione di cui al comma 9.

8. Ai fini del rilascio dell'autorizzazione per lo svolgimento

delle immersioni subacquee i richiedenti devono:

a. indicare le caratteristiche dell'unita' navale utilizzata

per l'immersione, nonche' gli estremi identificativi del brevetto

subacqueo in possesso dei singoli soggetti; per le irrunersioni

subacquee in gruppo e' possibile presentare domanda di autorizzazione

cumulativa;

b. versare al soggetto gestore un corrispettivo a titolo di

diritto di segreteria e rimborso spese, secondo le modalita' indicate

al successivo art. 31.

9. Ai fini del rilascio dell'autorizzazione per lo svolgimento

delle immersioni subacquee, godono di titolo preferenziale e possono

effettuare il pagamento delle relative tariffe in misura ridotta:

a. i residenti e i proprietari di abitazioni del Comune

ricadente nell'area marina protetta.

b. i proprietari di unita' navali che attestino il possesso di

uno dei seguenti requisiti di eco-compatibilita':

• motore conforme alla Direttiva 2003/44/CE relativamente

alle emissioni gassose e acustiche (motori fuoribordo elettrici, a 4

tempi benzina verde o a 2 tempi ad iniezione diretta, motori

entrobordo conformi alla direttiva);

• casse per la raccolta dei liquami di scolo e sistema di

raccolta delle acque di sentina, documentata con autocertificazione.

Articolo 15 - Disciplina delle visite guidate subacquee

1. Nell'area marina protetta sono consentite le visite guidate

subacquee svolte dai centri di immersione autorizzati dal soggetto

gestore secondo le seguenti modalita':

a. in presenza di guida o istruttore del centro di immersioni

autorizzato, in possesso di grado minimo "Dive Master" o titolo

equipollente;

b. nei siti determinati dal soggetto gestore e riportati in

apposite cartografie illustrative;

c. in ciascun sito l'immersione deve svolgersi entro il raggio

di 100 metri calcolato dalla verticale del punto di ormeggio.

2. Nella zona A sono consentite, previa autorizzazione del

soggetto gestore, le visite guidate subacquee svolte dai centri

d'immersione aventi sede legale ed operativa nel Comune ricadente

nell'area marina protetta alla data di entrata in vigore del presente

regolamento, esclusivamente secondo le seguenti modalita':

a. esclusivamente nel sito Secca della Molara e P.ta

Cannucce/molo IV;

b. per le attivita' con autorespiratore, con un numero di

subacquei non superiore a 4 per ogrti guida o istruttore del centro

di immersioni autorizzato, per un massimo di 3 guide e 12 subacquei

*** ATTO COMPLETO *** http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

8 di 20 21/05/2014 14:03

per ciascuna irrunersione;

c. per le attivita' senza autorespiratore, in un numero di

subacquei non superiore a 6 per ogni guida o istruttore, per un

massimo di 3 guide e 18 subacquei per ciascuna immersione;

d. per un numero massimo di 2 immersioni al giorno per ciascun

sito d' immersione;

e. non sono consentite visite guidate subacquee notturne;

f. non e' consentita l'attivita' di didattica subacquea.

3. Nella zona B sono consentite le visite guidate subacquee

svolte dai centri di immersione autorizzati dal soggetto gestore

secondo le seguenti modalita':

a. le autorizzazioni sono rilasciate prioritariamente ai centri

di immersione aventi sede legale nel Comune ricadente nell'area

marina protetta;

b. il soggetto gestore rilascia le autorizzazioni per i centri

d'immersione non aventi sede legale nel Comune ricadente nell'area

marina protetta per una quota non inferiore al 20% del totale dei

centri autorizzati;

c. per le attivita' con autorespiratore, con un numero di

subacquei non superiore a 6 per ogni guida o istruttore del centro di

immersioni autorizzato, per un massimo di 3 guide e 18 subacquei per

ciascuna immersione;

d. per le attivita' senza autorespiratore, in un numero di

subacquei non superiore a 8 per ogni guida o istruttore, per un

massimo di 3 guide e 24 subacquei per ciascuna immersione.

4. Nella zona C sono consentite le visite guidate subacquee

svolte dai centri di immersione autorizzati dal soggetto gestore.

5. Le visite guidate subacquee devono rispettare il codice di

condotta di cui al comma 4 del precedente articolo.

6. Le visite guidate subacquee per le persone disabili, condotte

dai centri di immersione autorizzati dal soggetto gestore, possono

essere svolte esclusivamente in presenza di guida o istruttore del

centro di immersione con relativa abilitazione.

7. La navigazione nell'area marina protetta delle unita' adibite

alle attivita' dei centri d'immersione e' consentita a velocita' non

superiore a 5 nodi, entro la distanza di 300 metri dalla costa, e a

velocita' non superiore a 10 nodi, entro la fascia di mare compresa

tra i 300 metri e i 600 metri di distanza dalla costa, esclusivamente

in assetto dislocante.

8. Non e' consentito l'uso improprio di impianti di diffusione

della voce e di segnali acustici o sonori, se non per fornire

informazioni sugli itinerari e sulle localita' visitate, con volume

sonoro strettamente indispensabile alla percezione degli stessi da

parte dei passeggeri a bordo.

9. L'ormeggio delle unita' di appoggio alle visite guidate

subacquee e' consentito, previa autorizzazione del soggetto gestore,

per il tempo strettamente sufficiente per effettuare l'immersione, ai

gavitelli singoli contrassegnati e appositamente predisposti dal

medesimo soggetto gestore, posizionati compatibilmente con l'esigenza

di tutela dei fondali.

10. Prima della visita guidata subacquea e' fatto obbligo ai

centri di immersione di informare gli utenti riguardo le regole

dell'area marina protetta, l'importanza dell'ecosistema, le

caratteristiche ambientali del sito di immersione e le norme di

comportamento subacqueo al fine di non arrecare disturbo ai fondali e

agli organismi marini.

11. Il responsabile dell'unita' navale, prima dell'immersione,

deve annotare in apposito registro previamente vidimato dal soggetto

gestore gli estremi dell'unita', i nominativi delle guide e dei

partecipanti e i relativi brevetti di immersione, la data, l'orario,

il sito di immersione. Il registro dovra' essere esibito alle

autorita' preposte al controllo o al personale del soggetto gestore.

I dati contenuti nel registro saranno comunicati semestralmente al

soggetto gestore che li potra' utilizzare per le finalita'

istituzionali.

12. Ai fini del rilascio dell'autorizzazione per lo svolgimento

delle visite guidate subacquee nell'area marina protetta, i centri di

immersione richiedenti devono:

a. attestare, entro 12 mesi dall'entrata in vigore del presente

regolamento, che almeno una delle guide del centro di immersione sia

in possesso di abilitazione per accompagnare disabili visivi e

motori;

b. indicare le caratteristiche delle unita' navali utilizzate

per l'attivita', nonche' gli estremi identificativi del brevetto

subacqueo in possesso dei singoli soggetti;

c. comunicare ogni variazione della flotta delle proprie unita'

di appoggio, al fine di acquisire debita autorizzazione dal soggetto

gestore;

d. assicurare un periodo annuale di apertura delle attivita'

del centro di immersione tale da incentivare la destagionalizzazione

e la riduzione del carico delle attivita' subacquee nei periodi di

picco delle presenze turistiche;

e. assicurare la diffusione agli utenti del materiale

informativo predisposto dal soggetto gestore;

f. versare al soggetto gestore un corrispettivo a titolo di

*** ATTO COMPLETO *** http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

9 di 20 21/05/2014 14:03

diritto di segreteria e rimborso spese, secondo le modalita' indicate

al successivo art. 31.

14. Ai fini del rilascio delle autorizzazioni per lo svolgimento

delle visite guidate subacquee godono di titolo preferenziale e

possono effettuare il pagamento delle tariffe in misura ridotta i

centri d'immersione aventi sede legale nel Comune ricadente nell'area

marina protetta.

15. Ai fini del rilascio delle autorizzazioni le unita' navali

per lo svolgimento delle visite guidate subacquee devono possedere

almeno uno dei seguenti requisiti di eco-compatibilita':

a. motore conforme alla Direttiva 2004/44/CE relativo alle

emissioni gassose e acustiche (motori fuoribordo elettrici, a 4 tempi

a benzina verde e a 2 tempi ad iniezione diretta, motori entrobordo

conforme alla direttiva);

b. casse per la raccolta dei liquami di scolo e sistemi di

raccolta delle acque di sentina, documentata con autocertificazione.

16. Il rilascio dell'autorizzazione implica l'obbligo di esporre

i contrassegni autorizzativi rilasciati dal soggetto gestore, da

esibire durante l'esercizio dell'attivita' autorizzata e da esporre

sulle unita' navali adibite alle visite guidate subacquee.

17. In relazione alle esigenze di tutela ambientale sottese al

provvedimento istitutivo, resta salva la facolta' dell'ente gestore,

a seguito del monitoraggio effettuato per verificare la capacita' di

carico dei siti di immersione, di adeguare, con successivi

provvedimenti, sentita la Commissione di riserva, la disciplina delle

visite guidate subacquee. Il soggetto gestore stabilisce nello

specifico i criteri e i requisiti richiesti relativi alle misure di

premialita' ambientale ai fini del rilascio delle autorizzazioni,

prevedendo:

a. il numero massimo di autorizzazioni;

b. requisiti di eco-compatibilita';

c. i siti di immersione;

d. il numero massimo di immersioni ai giorno, per ciascun sito

e in totale;

e. il numero massimo di unita' navali impiegabili nelle visite

guidate subacquee da ciascun soggetto autorizzato;

f. un'adeguata turnazione tra le visite guidate subacquee e le

immersioni subacquee;

g. i punti attrezzati idonei per l'ormeggio;

h. eventuali incentivi per la destagionalizzazione delle

attivita' subacquee.

Articolo 16 - Disciplina della navigazione da diporto

1. Nell'area marina protetta non e' consentito l'utilizzo di moto

d'acqua o acquascooter e mezzi similari, la pratica dello sci nautico

e sport acquatici similari.

2. Il transito delle moto d'acqua o acquascooter e mezzi similari

e' consentito esclusivamente nella zona C con rotta perpendicolare

alla costa, al solo scopo di raggiungere le zone esterne all'area

marina protetta, a velocita' non superiore a 5 nodi entro la distanza

di 300 metri dalla costa e a velocita' non superiore a 10 nodi nella

fascia compresa tra i 300 metri e i 600 metri dalla costa, sempre in

assetto dislocante.

3. Nella zona A non e' consentita navigazione.

4. Nella zona B e' consentita la navigazione con le seguenti

modalita':

a. alle unita' a vela, a remi, a propulsore elettrico;

b. ai natanti di proprieta' dei residenti o proprietari di

abitazione nel Comune ricadente nell'area marina protetta, entro i

500 metri di distanza dalla costa, previa autorizzazione del soggetto

gestore;

c. oltre i 500 m di distanza dalla costa, ai natanti e alle

imbarcazioni in linea con almeno uno dei seguenti requisiti di

eco-compatibilita':

• motore conforme alla Direttiva 2004/44/CE relativo alle

emissioni gassose e acustiche (motori fuoribordo elettrici, 4 tempi a

benzina verde e a 2 tempi ad iniezione diretta, motori entrobordo

conforme alla direttiva);

• casse per la raccolta dei liquami di scolo e sistemi di

raccolta delle acque di sentina, documentata con autocertificazione;

d. oltre i 500 m di distanza dalla costa, alle navi da diporto

in linea con gli annessi IV e VI della MARPOL 73/78.

5. Nella zona B e' consentito, previa autorizzazione del soggetto

gestore, l'accesso a natanti e imbarcazioni, all'interno della fascia

dei 500 metri di distanza dalla costa, al solo scopo di raggiungere

con rotta perpendicolare alla costa i campi ormeggio appositamente

predisposti dal soggetto gestore;

6. Nella zona C e' consentita la navigazione:

a. alle unita' a vela, a remi, a propulsore elettrico;

b. ai natanti e alle imbarcazioni;

c. alle navi da diporto in linea con gli annessi IV e VI della

MARPOL 73/78.

7. Nelle zone B e C la navigazione e' consentita, alle unita'

navali di cui ai precedenti corrimi, a velocita' non superiore a 5

*** ATTO COMPLETO *** http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

10 di 20 21/05/2014 14:03

nodi entro la distanza di 300 metri dalla costa, e a velocita' non

superiore a 10 nodi, nella fascia compresa tra i 300 metri e i 600

metri dalla costa, esclusivamente in assetto dislocante;

8. Non e' consentito lo scarico a mare di acque non depurate

provenienti da sentine o da altri impianti dell'unita' navale e di

qualsiasi sostanza tossica o inquinante, nonche' la discarica di

rifiuti solidi o liquidi.

9. Non e' consentito l'uso improprio di impianti di diffusione

della voce e di segnali acustici o sonori.

10. Il soggetto gestore puo' disciplinare, con successivo

provvedimento, gli accessi ai punti di approdo e la distribuzione

degli spazi attinenti, anche attrezzando idonei corridoi di

atterraggio.

Articolo 17 - Disciplina dell'attivita' di ormeggio

1. Nella zona A non e' consentito l'ormeggio.

2. Nella zona B e' consentito l'ormeggio, previa autorizzazione

del soggetto gestore, ai natanti e alle imbarcazioni, in zone

individuate dal soggetto gestore mediante appositi campi boe,

posizionati compatibilmente con l'esigenza di tutela dei fondali.

3. Gli specchi acquei adibiti a campi ormeggio per il diporto,

individuati con apposito provvedimento dal soggetto gestore, sono

posizionati compatibilmente con l'esigenza di tutela dei fondali, e

realizzati e segnalati in conformita' alle direttive del Ministero

dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare.

4. All'interno degli specchi acquei adibiti ai campi ormeggio:

a. non sono consentite le attivita' subacquee con o senza

autorespiratore;

b. non sono consentiti l'ancoraggio, la libera navigazione e la

permanenza di unita' navali non ormeggiate, la pesca sportiva e la

pesca professionale;

c. la balneazione e' consentita esclusivamente in prossimita'

della propria unita' ormeggiata, a motore spento e in assenza

assoluta di manovre di altra unita' e comunque nell'area indicata dal

soggetto gestore;

d. non e' consentito l'uso improprio di segnali acustici o

sonori;

e. non e' consentito tenere il motore acceso durante la sosta;

f. l'ormeggio deve essere effettuato esclusivamente al

gavitello preassegnato dal soggetto gestore;

g. in caso di ormeggio non preassegnato, l'ormeggio deve essere

effettuato esclusivamente ai gavitelli contrassegnati con la propria

categoria di unita' da diporto (natante, imbarcazione, nave);

h. non sono consentite le attivita' che arrechino turbamento od

ostacolo al buon funzionamento del campo di ormeggio.

5. Ai fini dell'ormeggio i soggetti interessati devono richiedere

al soggetto gestore il rilascio dell'autorizzazione a fronte del

versamento di un corrispettivo, commisurato:

a. alla lunghezza fuori tutto dell'unita' navale;

b. al possesso di requisiti di eco-compatibilita' dell'unita'

navale di cui al successivo comma 6;

c. alla durata della sosta.

6. Ai fini del rilascio delle autorizzazioni per l'ormeggio,

godono di titolo preferenziale e possono effettuare il pagamento

delle relative tariffe in misura ridotta i residenti nel Cornune

ricadente nell'area marina protetta nonche' i proprietari di unita'

navali che attestino il possesso di uno dei seguenti requisiti di

eco-compatibilita':

a. motore conforme alla Direttiva 2003/44/CE relativamente alle

emissioni gassose e acustiche (motori fuoribordo elettrici, a 4 tempi

benzina verde o a 2 tempi ad iniezione diretta, motori entrobordo

conformi alla direttiva);

b. casse per la raccolta dei liquami di scolo e sistema di

raccolta delle acque di sentina, documentata con autocertificazione;

7. I corrispettivi dovuti per l'autorizzazione all'ormeggio sono

disposti secondo le modalita' di cui al successivo art. 31.

Articolo 18 - Disciplina dell'attivita' di ancoraggio

1. Nella zona A l'ancoraggio non e' consentito.

2. Nelle zone B e C non e' consentito l'ancoraggio su fondali

colonizzati da praterie di Posidonia oceanica e su formazioni a

coralligeno, appositamente individuati dal soggetto gestore.

3. Nelle zone B e' consentito l'ancoraggio, previa autorizzazione

del soggetto gestore a natanti e imbarcazioni, esclusivamente su

fondali inerti, sabbiosi o ciottolosi;

4. Nella zona C e' consentito l'ancoraggio, previa autorizzazione

del soggetto gestore, alle unita' navali di cui nel precedente comma

e alle navi da diporto, esclusivamente su fondali inerti, sabbiosi o

ciottolosi.

5. Ai fini del rilascio dell'autorizzazione all'ancoraggio

nell'area marina protetta, i richiedenti sono tenuti a versare al

soggetto gestore un corrispettivo, a titolo di diritto di segreteria

e rimborso spese, secondo le modalita' indicate al successivo art.

*** ATTO COMPLETO *** http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

11 di 20 21/05/2014 14:03

31.

6. In relazione alle esigenze di tutela ambientale sottese al

provvedimento istitutivo, al fine di deterrninare la capacita' di

carico dell'area in relazione all'attivita' di ancoraggio, il

soggetto gestore effettua il monitoraggio dell'area marina protetta,

applicando criteri di contingentamento delle presenze diportistiche e

individuando le aree caratterizzate da biocenosi di pregio quali

praterie di Posidonia oceanica e coralligeno, e adegua, con

successivo provvedimento, la disciplina delle attivita' di

ancoraggio.

Articolo 19 - Disciplina dell'attivita' di trasporto passeggeri e

visite guidate

1. Nella zona A non e' consentita la navigazione ai mezzi adibiti

al trasporto passeggeri e alle visite guidate.

2. Nelle zone B e C sono consentite, previa autorizzazione del

soggetto gestore, compatibilmente con le esigenze di tutela e di

contingentamento delle presenze, le visite guidate a bordo di unita'

navali adibite a tale scopo, nel rispetto delle disposizioni per la

navigazione da diporto di cui all'art. 16.

3. Non e' consentito lo scarico a mare di acque non depurate

provenienti da sentine o da altri impianti dell'unita' navale e di

qualsiasi sostanza tossica o inquinante, nonche' la discarica di

rifiuti solidi o liquidi.

4. Non e' consentito l'uso improprio di impianti di diffusione

della voce e di segnali acustici o sonori, se non per fornire

informazioni sugli itinerari e sulle localita' visitate, con volume

sonoro strettamente indispensabile alla percezione degli stessi da

parte dei passeggeri a bordo.

5. L'ormeggio delle unita' navali adibite al trasporto passeggeri

e alle visite guidate e' consentito, previa autorizzazione del

soggetto gestore, esclusivamente ai gavitelli posizionati

compatibilmente con l'esigenza di tutela dei fondali.

6. Le unita' navali autorizzate alle attivita' di trasporto

passeggeri e visite guidate sono tenute ad esporre i contrassegni

identificativi predisposti dal soggetto gestore ai fini di agevolare

la sorveglianza ed il controllo.

7. Ai fini del rilascio dell'autorizzazione per lo svolgimento

dell'attivita' di trasporto passeggeri e visite guidate nell'area

marina protetta, i richiedenti devono versare al soggetto gestore un

corrispettivo a titolo di diritto di segreteria e rimborso spese,

secondo le modalita' indicate al successivo art. 31, commisurato:

a. alla lunghezza fuori tutto dell'unita' navale;

b. al possesso di requisiti di eco-compatibilita' dell'unita'

navale di cui al successivo comma;

c. alla durata del permesso.

8. Ai fini del rilascio dell'autorizzazione le unita' navali

adibite alle attivita' di trasporto passeggeri e di visite guidate,

devono possedere almeno uno dei seguenti requisiti di

eco-compatibilita':

a. motore conforme alla Direttiva 2003/44/CE relativamente alle

emissioni gassose e acustiche (motori entrobordo conformi alla

direttiva, motori fuoribordo elettrici, a 4 tempi benzina verde, o a

2 tempi ad iniezione diretta);

b. unita' dotate di casse per la raccolta dei liquami di scolo

e munite di un registro di scarico delle acque di sentina, da

conservare tra i documenti di bordo unitamente alle ricevute di

conferimento delle miscele di idrocarburi a centri di smaltimento

autorizzati;

c. navi da diporto in linea con gli annessi IV e VI della

MARPOL 73/78.

9. Non sono consentiti', durante il periodo di validita'

dell'autorizzazione, aumenti del numero di passeggeri imbarcabili o

variazioni dei requisiti comunicati all'ano della richiesta.

10. Il rilascio dell'autorizzazione comporta l'obbligo di fornire

al soggetto gestore informazioni relative ai servizi prestati, ai

fini del monitoraggio dell'area marina protetta, nonche' di fornire

agli utenti l'apposito materiale informativo predisposto dal soggetto

gestore.

11. In relazione alle esigenze di tutela ambientale sottese al

provvedimento istitutivo, resta salva la facolta' del soggetto

gestore a seguito del monitoraggio effettuato al fine di verificare

la capacita' di carico dei flussi turistici nell'area marina

protetta, di adeguare con successivi provvedimenti, sentita la

Commissione di riserva, la disciplina del trasporto passeggeri e

visite guidate. Il soggetto gestore stabilisce nello specifico i

criteri e i requisiti richiesti relativi alle misure di premialita'

ambientale ai fini del rilascio delle autorizzazioni, prevedendo:

a) il numero massimo di unita' autorizzate per le attivita' di

trasporto passeggeri e di visite guidate;

b) i requisiti di eco-compatibilita'.

Articolo 20 - Disciplina dell'attivita' di trasporto marittimo di

linea

*** ATTO COMPLETO *** http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

12 di 20 21/05/2014 14:03

1. Nella zona A non e' consentita la navigazione del trasporto

marittimo di linea.

2. La navigazione dei mezzi di linea e di servizio e' consentita

in zona B e C, previa autorizzazione del soggetto gestore,

parallelamente alla linea di costa; nel corso delle operazioni di

avvicinamento alle aree di attracco e ormeggio, la navigazione e'

consentita perpendicolarmente alla linea di costa.

3. Il soggetto gestore definisce con successivo provvedimento, di

concerto con le compagnie di navigazione e gli armatori, le rotte di

circumnavigazione e avvicinamento agli accessi ai punti di approdo,

anche individuando idonei coffidoi di atterraggio.

4. Durante lo stazionamento all'interno dei porti e degli approdi

i mezzi di linea e di servizio devono provvedere allo spegnimento dei

motori e procedere comunque a lento moto, nei limiti di

manovrabilita' consentiti dall'unita' navale.

5. E' fatto divieto di scarico a mare di acque non depurate

provenienti da sentine o da altri impianti dell'unita' navale e di

qualsiasi sostanza tossica o inquinante, nonche' la discarica di

rifiuti solidi o liquidi.

6. Ai fini del rilascio dell'autorizzazione per la navigazione

dei mezzi di linea nell'area marina protetta, gli armatori

richiedenti devono versare al soggetto gestore un corrispettivo a

titolo di diritto di segreteria e rimborso spese, secondo le

modalita' indicate al successivo art. 31, commisurato:

a. alla lunghezza fuori tutto dell'unita' navale;

b. alla durata del permesso.

7. Ai fini del rilascio dell' autorizzazione, a bordo di ogni

unita' di linea dovra' essere garantito un apposito spazio attrezzato

a disposizione dell'area marina protetta per attivita' istituzionali,

di informazione, commercializz,azione di prodotti e servizi.

8. Il rilascio dell'autorizzazione comporta l'obbligo di fornire

al soggetto gestore dati e informazioni relative ai servizi prestati,

ai fini del monitoraggio dell'area marina protetta, e di fornire agli

utenti l'apposito materiale informativo predisposto dal soggetto

gestore.

Articolo 21 - Disciplina dell'attivita' di noleggio e locazione di

unita' da diporto

1. Nella zona A non e' consentita la navigazione e l'accesso alle

unita' da diporto adibite a noleggio e locazione.

2. L'esercizio dei servizi di locazione e noleggio di unita' da

diporto per la navigazione nelle zone B e C e' consentito, previa

autorizzazione del soggetto gestore, nel rispetto delle disposizioni

per la navigazione da diporto di cui all'art. 16.

3. In relazione alle esigenze di tutela ambientale sottese al

provvedimento istitutivo, il soggetto gestore effettua il

monitoraggio delle attivita' diportistiche nell'area marina protetta

e stabilisce, con successivo provvedimento, il numero massimo di

autorizzazioni rilasciabili per le unita' da diporto adibite a

noleggio e locazione, non cedibili a terzi.

4. Le autorizzazioni per l'esercizio dei servizi di locazione e

noleggio di cui al precedente comma 2 sono rilasciate

prioritariamente ai soggetti e alle imprese residenti nel Comune

ricadente nell'area marina protetta, fino al raggiungimento del 75%

dei permessi, e, subordinatamente, con criterio preferenziale alle

unita' in linea con i requisiti di eco-compatibilita' di cui al

successivo comrna 5 e, in ulteriore subordine, secondo l'ordine

cronologico di presentazione della domanda.

5. Ai fini del rilascio dell'autorizzazione le unita' da diporto

per le attivita' di noleggio e locazione di unita' da diporto

nell'area marina protetta, devono essere in linea con almeno uno dei

seguenti requisiti di eco-compatibilita':

a. motore conforme alla Direttiva 2003/44/CE relativamente alle

emissioni gassose e acustiche (motori fuoribordo elettrici, a 4 tempi

benzina verde o a 2 tempi ad iniezione diretta, motori entrobordo

conformi alla direttiva);

b. unita' dotate di casse per la raccolta dei liquami di scolo

e munite di un registro di scarico delle acque di sentina, da

conservare tra i documenti di bordo unitamente alle ricevute di

conferimento delle miscele di idrocarburi a centri di smaltimento

autorizzati;

c. navi da diporto in linea con gli annessi IV e VI della

MARPOL 73/78.

6. Ai fini del rilascio dell'autorizzazione le attivita' di

noleggio e locazione di unita' da diporto nell'area marina protetta,

i soggetti richiedenti devono:

a. indicare le caratteristiche delle unita' navali utilizzate

per l'attivita';

b. versare al soggetto gestore un corrispettivo a titolo di

diritto di segreteria e rimborso spese, secondo le modalita' indicate

al successivo art. 31.

7. Ogni sostituzione delle unita' da diporto autorizzate per il

noleggio e la locazione comporta il ritiro dell'autorizzazione e deve

*** ATTO COMPLETO *** http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

13 di 20 21/05/2014 14:03

essere tempestivamente comunicata al soggetto gestore, che provvede

ad effettuare apposita istruttoria per verificare i requisiti della

nuova unita' e rilasciare eventuale nuova autorizzazione.

8. Il rilascio dell'autorizzazione comporta l'obbligo per

l'esercente di:

a. fornire al soggetto gestore informazioni relative ai servizi

prestati, ai fini del monitoraggio dell'area marina protetta;

b. fornire agli utenti l'apposito materiale informativo

predisposto dal soggetto gestore;

c. acquisire dagli utenti la formale dichiarazione di presa

visione del decreto istitutivo dell'area marina protetta e del

presente Regolamento.

Articolo 22 - Disciplina delle attivita' di whale watching

(osservazione dei cetacei)

1. Nelle zona A non e' consentita l'attivita' di whale-watching.

2. Nelle zone B e C sono consentite, previa autorizzazione del

soggetto gestore, attivita' di whale-watching a bordo di unita'

navali adibite a visite guidate, nel rispetto delle disposizioni per

la navigazione da diporto di cui all'art. 16.

3. Per le attivita' di whale watching e in presenza di mammiferi

marini nell' area marina protetta, e' individuata una fascia di

osservazione, entro la distanza di 100 metri dai cetacei avvistati,

ed una fascia di avvicinamento entro 300 metri dai cetacei avvistati.

4. Nelle fasce di osservazione e avvicinamento di cui al

precedente cornma vige per le attivita' di osservazione dei cetacei

il seguente codice di condotta:

a. non e' consentito avvicinarsi a meno di 100 metri dagli

animali;

b. nella fascia di osservazione non e' consentita la

balneazione e puo' essere presente, seguendo l'ordine cronologico di

arrivo nella medesima fascia di osservazione, una sola unita' navale

o un solo velivolo, esclusivamente ad una quota superiore ai 150

metri sul livello del mare;

c. non e' consentito il sorvolo con elicotteri, salvo che per

attivita' di soccorso, sorveglianza e servizio;

d. non e' consentito stazionare piu' di 30 minuti nella fascia

di osservazione;

e. nelle fasce di osservazione e avvicinamento la navigazione

e' consentita alla velocita' massima di 5 nodi;

f. non e' consentito stazionare con l'unita' navale all'interno

di un gruppo di cetacei, separando anche involontariamente individui

o gruppi di individui dal gruppo principale;

g. non e' consentito fornire cibo agli animali e gettare in

acqua altro materiale;

h. non e' consentito l' avvicinamento frontale agli animali;

i. non e' consentito interferire con il normale comportamento

degli animali, in particolare in presenza di femmine con cuccioli;

j. non sono consentiti improvvisi cambiamenti di rotta e di

velocita' delle unita' navali;

k. nel caso di volontario avvicinamento dei cetacei all'unita'

navale, e' fatto obbligo di mantenere una velocita' costante,

inferiore a 5 nodi, senza effettuare cambi di direzione;

l. nella fascia di avvicinamento non puo' essere presente piu'

di una unita' navale per volta;

m. nel caso che gli animali mostrino segni di intolleranza, e'

fatto obbligo di allontanarsi con rotta costante dalle fasce di

osservazione e avvicinamento.

Articolo 23 - Disciplina dell'attivita' di pesca professionale

1. Nell'area marina protetta non sono consentiti la pesca a

strascico, con reti derivanti e a circuizione, l'acquacoltura e il

ripopolamento attivo.

2. Nella zona A non e' consentita qualunque attivita' di pesca

professionale.

3. Nella zona B e C e' consentita, previa autorizzazione del

soggetto gestore, l'attivita' di piccola pesca artigianale, alle

imprese, individuali o in forma cooperativa aventi sede legale nel

Comune ricadente nell'area marina protetta alla data di entrata in

vigore del presente provvedimento e ai soci delle suddette

cooperative inseriti alla stessa data nel registro di ciascuna

cooperativa, con i seguenti attrezzi e modalita' in alternativa tra

loro:

a. reti da posta fisse per una lunghezza massima non superiore

a 3000 metri per imbarcazione, con singola maglia del "11" (singola

maglia di 50 millimetri di apertura massima totale, ovvero 25

millimetri per lato);

b. tramaglio per aragosta, fino ad un massimo di 2000 metri di

lunghezza per imbarcazione, con singola maglia del "11" (singola

maglia di 50 millimetri di apertura massima totale, ovvero 25

millimetri per lato), dal 1° maggio al 30 settembre;

c. palangari fissi sino ad un massimo di 500 ami, piu' 100 anni

per ogni addetto regolarmente imbarcato oltre al comandante;

*** ATTO COMPLETO *** http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

14 di 20 21/05/2014 14:03

4. L'ancoraggio degli attrezzi e delle unita' da pesca e'

consentito esclusivamente nell'esercizio delle attivita' di prelievo.

5. Ai fini del rilascio dell'autorizzazione alla pesca

professionale, i richiedenti devono inoltrare richiesta presso il

soggetto gestore entro il 28 febbraio di ogni anno, indicando gli

strumenti di pesca che si intendono adoperare.

6. Al fine di consentire il ricambio generazionale tra gli

operatori della pesca, nel caso di cessazione delle attivita' di

pesca da parte di soggetti autorizzati dal soggetto gestore, il

diritto all'autorizzazione, anche in deroga al precedente comma 3, e'

trasferibile ad altro soggetto, purche' rientrante nei termini di cui

al precedente comma 3, e nei limiti dello sforzo di pesca

dell'operatore che cessa l'attivita'.

7. L'autorizzazione e pertanto l'iscrizione al registro dei

pescatori professionali ha validita' massima di un anno e dovra'

essere rinnovata sulla base di apposita domanda di rinnovo da parte

dell'interessato.

8. A fronte di particolari esigenze di tutela ambientale, sulla

base degli esiti del monitoraggio dell'area marina protetta, resta

salva la facolta' del soggetto gestore di disciplinare ulteriormente,

con successivo provvedimento, le modalita' di prelievo delle risorse

ittiche, indicando in particolare:

a. numero massimo di operatori e di unita' navali adibite alla

pesca professionale autorizzabili, da desumere in base al totale

degli aventi diritto alla data di istituzione dell'area marina

protetta;

b. caratteristiche e quantita' degli attrezzi da pesca

utilizzabili per ogni unita' da pesca;

c. calendario delle attivita' di pesca comprendente giornate ed

orari per particolari attivita';

d. misure minime di cattura delle specie alieutiche commerciali

e non;

9. I soggetti autorizzati alle attivita' di piccola pesca

professionale devono comunicare annualmente al soggetto gestore i

periodi, i dati sulle catture, gli attrezzi utilizzati e le modalita'

di pesca all'interno dell'area marina protetta ai fini del

monitoraggio. Tali comunicazioni vengono riportate su un apposito

registro tenuto dal soggetto gestore, delle cui annotazioni viene

rilasciata copia ai soggetti stessi.

Articolo 24 - Disciplina dell'attivita' di pescaturismo

1. Nella zona A non e' consentito svolgere attivita' di

pescaturismo.

2. Nelle zone B eC e' consentita l'attivita' di pescaturismo,

riservata alle imprese di pesca che esercitano l'attivita' sia

individualmente, sia in forma cooperativa, aventi sede legale nel

Comune ricadente nell'area marina protetta e ai soci delle suddette

cooperative inseriti nel registro di ciascuna cooperativa.

3. Le attivita' di pesca turismo devono utilizzare gli attrezzi e

le modalita' stabilite per la piccola pesca artigianale di cui al

precedente art. 23, e sono riservate ai soggetti legittimati alla

piccola pesca artigianale di cui al precedente articolo, purche' in

possesso di idonea licenza all'esercizio della attivita' di

pescaturismo.

4. Non e' consentito l'uso improprio di impianti di diffusione

della voce e di segnali acustici o sonori.

5. Il rilascio dell'autorizzazione alle attivita' di pescaturismo

comporta l'obbligo di fornire al soggetto gestore informazioni

relative ai servizi prestati, ai fini del monitoraggio dell'area

marina protetta, nonche' di fornire agli utenti l'apposito materiale

infornriativo predisposto dal soggetto gestore.

6. La richiesta di autorizzazione ad eseguire l'attivita' di

pescaturismo deve indicare gli strumenti di pesca che si intendono

adoperare.

Articolo 25 - Disciplina dell'attivita' di pesca sportiva e

ricreativa

1. Nell'area marina protetta non sono consentite:

a. la pesca subacquea con o senza uso di apparecchi ausiliari

di respirazione;

b. le gare di pesca sportiva.

2. La detenzione e il trasporto di attrezzi adibiti alla pesca

subacquea all'interno dell'area marina protetta devono essere

preventivamente autorizzati dal soggetto gestore.

3. Nell'area marina protetta non e' consentita la pesca

ricreativa delle seguenti specie:

a. Cernia (Epinephelus sp.);

b. Cernia di fondale (Polyprion americanus)

c. Corvina (Sciaena umbra);

d. Ombrina (Umbrina cirrosa);

e. Aragosta rossa (Palinurus elephas);

f. Astice (Homarus gammarus);

g. Cicala (Scyllarus arctus);

*** ATTO COMPLETO *** http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

15 di 20 21/05/2014 14:03

h. Magnosa (Scyllarides latus);

i. Tonno rosso (Thunnus thynnus);

j. Pesce spada (Xiphias gladius);

nonche' di tutte le specie protette riportate in Direttiva Habitat

92/43/CEE (Allegati II, IV, V).

4. Nella zona A non e' consentito svolgere attivita' di pesca

ricreativa.

5. Nelle zone B e' consentita la pesca ricreativa, previa

autorizzazione del soggetto gestore, ai residenti nel Comune

ricadente nell'area marina protetta, con i seguenti attrezzi e

modalita':

a. da riva con canna, anche con mulinello, in numero massimo di

2 per persona, con ami di lunghezza non inferiore a 15 millimetri;

b. da unita' navale con lenze fisse quali canne, bolentini,

correntine per un numero massimo di 2 lenze per pescatore con non

piu' di 3 ami

c. da unita' navale a motore, a velocita' non superiore a 5

nodi, con non piu' di 2 lenze a traino;

d. lenza per cefalopodi con non piu' di 2 attrezzi per persona

(polpara, totanara, seppiolara), con o senza esca;

e. da natante a motore, a velocita' non superiore ai 5 nodi,

con non piu' di 2 lenze a traino e di fondo, in numero massirno di 2

attrezzi per persona, per un numero massimo di 20 soggetti

autorizzabili, ognuno per un massimo di 90 uscite durante l'anno,

preventivamente comunicate al soggetto gestore;

f. e' consentito un quantitativo massimo giornaliero di catture

fino a 5 kg per imbarcazione e 3 kg per persona, salvo il caso di

cattura di singolo esemplare di peso superiore;

g. non e' consentita la pesca con le tecniche del "vertical

jigging" e similari, e dello "spinning drifting" al tonno;

h. non e' consentito l'uso del rezzaglio, bilancia, fiocina con

l'ausilio di fonti luminose;

i. non e' consentito l'utilizzo di palangari;

j. non e' consentito l'utilizzo di esche alloctone, non di

origine mediterranea (quali verme coreano, giapponese e similari).

6. Nella zona C e' consentita la pesca ricreativa, previa

autorizzazione del soggetto gestore, con i seguenti attrezzi e

modalita':

a. con gli stessi attrezzi e modalita' di cui al precedente

comma;

b. con nasse, per un numero massimo di 2 per imbarcazione per

un numero massimo di 20 autorizzazioni speciali per i pescatori

ricreativi residenti nel Comune ricadente nell'area marina protetta;

c. con l'utilizzo di palangari, con un numero massimo di 100

ami, esclusivamente dall'alba al tramonto, per un numero massimo di

20 autorizzazioni speciali per i pescatori ricreativi residenti nel

Comune ricadente nell'area marina protetta;

d. non e' consentita la pesca con le nasse, con i palangari e

la traina di profondita' con affondatore, con lenze di tipo "monel",

piombo guardiano, per i non residenti nel Comune ricadente nell'area

marina protetta;

7. Le 20 autorizzazioni speciali di cui alle lettere e) del

precedente comma 6 e b) e c) del precedente comma 7 sono rilasciate

esclusivamente a pescatori ricreativi tradizionalmente operanti

nell'area e non sono trasferibili ad altri soggetti alla cessazione

dell'attivita'. Il soggetto gestore assicura la graduale riduzione

del numero di autorizzazioni speciali, fino ad esaurimento delle

stesse.

8. Il transito di unita' navali con attrezzi da pesca e

quantitativi di pescato diversi o superiori dai limiti stabiliti dal

presente regolamento, deve essere preventivamente autorizzato dal

soggetto gestore.

9. Ai fini del rilascio delle autorizzazione alle attivita' di

pesca ricreativa nell'area marina protetta, i soggetti richiedenti

devono:

a. indicare gli strumenti di pesca che intendono adoperare;

b. versare al soggetto gestore un corrispettivo a titolo di

diritto di segreteria e rimborso spese, secondo le modalita' di cui

al successivo art. 31.

10. Ai fini delle attivita' di monitoraggio, i soggetti

autorizzati alle attivita' di pesca ricreativa devono comunicare

annualmente al soggetto gestore i dati sulle catture tramite apposito

libretto di pesca fornito dal soggetto gestore all'atto del rilascio

del l'autorizzazione.

11. Al fine di determinare la capacita' di carico dell'area

marina protetta, in relazione alle esigenze di tutela ambientale

sottese al provvedimento istitutivo, il soggetto gestore effettua il

monitoraggio delle attivita' di prelievo e adegua, con successivi

provvedimenti, la disciplina della pesca ricreativa, indicando in

particolare:

a. caratteristiche e quantita' degli attrezzi utilizzabili;

b. calendario delle attivita' di pesca comprendente giornate;

c. misure minime di cattura per le varie specie;

d. misure di tutela in riferimento a particolari specie

minacciate o a rischio.

*** ATTO COMPLETO *** http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

16 di 20 21/05/2014 14:03

TITOLO IV: DISCIPLINA DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SVOLGIMENTO DELLE

ATTIVITA' CONSENTITE

Articolo 26 - Oggetto ed ambito di applicazione

1. Il presente Titolo disciplina i criteri e le procedure per il

rilascio delle autorizzazioni allo svolgimento delle attivita'

consentite nell'area marina protetta, come previste dal decreto

istitutivo dell'area marina protetta "Isole di Ventotene e S.

Stefano".

2. Ogni provvedimento concessorio o autorizzatorio deve essere

adottato con richiamo espresso al potere di sospensione o di revoca

previsto dal presente regolamento.

3. Il titolare dell'autorizzazione e' tenuto a conservare presso

di se' il titolo autorizzatorio rilasciatogli, al fine di poterlo

esibire ai soggetti legalmente investiti del potere di vigilanza e/o

controllo sulle attivita' svolte all'interno dell'area marina

protetta, su mera richiesta di questi ultimi.

Articolo 27 - Domanda di autorizzazione

I. La domanda di autorizzazione e' presentata al soggetto gestore

dell'area marina protetta, sugli appositi moduli ritirabili presso

gli uffici anuninistrativi del soggetto gestore medesimo o

disponibili sul sito internet dell'area marina protetta.

2. La modulistica e' predisposta a cura del soggetto gestore

conformemente alle indicazioni sottoindicate. Tali indicazioni

(dichiarazioni e documenti da allegare) sono riportate nei moduli a

seconda dell'oggetto dell'autorizzazione.

3. Il rilascio dell'autorizzazione implica l'obbligo di esporre i

relativi segni distintivi rilasciati dal soggetto gestore.

4. La domanda di autorizzazione deve precisare:

a. le generalita' del richiedente;

b. l'oggetto;

c. la natura e la durata dell'attivita', specificando la

presunta data di inizio per la quale l'autorizzazione e' richiesta;

d. il possesso dei requisiti previsti dal presente Regolamento

per l'attivita' oggetto della domanda di autorizzazione;

e. la formula prescelta per il pagamento del corrispettivo per

l'autorizzazione e i relativi diritti di segreteria.

5. Il soggetto gestore si riserva la facolta', a fronte di gravi

esigenze correlate alla tutela ambientale, di sospendere

temporaneamente e/o disciplinare in senso restrittivo le

autorizzazioni.

6. E' facolta' del soggetto gestore, per accertate esigenze di

carattere eccezionale afferenti l'attivita' istituzionale, volte a

far fronte a situazioni di emergenza, di rilasciare, anche in deroga

alle disposizioni del presente Regolamento, particolari

autorizzazioni finalizzate allo scopo, dandone comunicazione al

Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio.

Articolo 28 - Documentazione da allegare

1. Alla domanda di autorizzazione deve essere allegata la

documentazione atta a dimostrare il possesso dei requisiti previsti

dal presente Regolamento per l'attivita' oggetto della domanda di

autorizzazione.

2. Sono ammesse le dichiarazioni sostitutive di certificazioni

previste dagli articoli 46 e 48 del decreto del Presidente della

Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445.

Articolo 29 - Procedura d'esame delle istanze di autorizzazione

1. Le istanze di autorizzazione di cui all' art. 27 sono

esaminate dagli organi tecnici del soggetto gestore, alla luce delle

informazioni fornite nell'istanza medesima e dei criteri di cui al

successivo art. 30.

2. L'istanza di autorizzazione e' accolta o rigettata entro

massimo 60 giorni dalla data di ricezione dell'istanza stessa, salvo

diversa indicazione di cui al Titolo III.

3. Per tutte le richieste di autorizzazione avanzate da

visitatori e non residenti relative ad attivita' chiaramente

riconducibili a soggiorni turistici nell'area marina protetta il

soggetto gestore provvede ad evadere le richieste coerentemente alle

esigenze di utilizzazione dell'autorizzazione richiesta.

Articolo 30 - Criteri di valutazione delle istanze di autorizzazione

1. Il soggetto gestore provvede a svolgere una adeguata indagine

conoscitiva al fine di verificare le dichiarazioni effettuate

all'atto delle richiesta.

2. Il rilascio delle autorizzazioni, per lo svolgimento delle

attivita' consentite nell'area marina protetta di cui ai precedenti

*** ATTO COMPLETO *** http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

17 di 20 21/05/2014 14:03

articoli, puo' essere effettuata dal soggetto gestore in base a

regimi di premialita' ambientale, turnazione, contingentamento e

destagionalizzazione, definiti sulla base del monitoraggio dell'area

marina protetta e ,delle rilevate esigenze di tutela ambientale.

3. Nel rilascio delle autorizzazioni all'esercizio delle

attivita' individuali di cui ai precedenti articoli, il soggetto

gestore potra' privilegiare le richieste avanzate dai residenti nel

Comune ricadente nell'area marina protetta.

4. Nel rilascio delle autorizzazioni all'esercizio delle

attivita' d'impresa, fatto salvo quanto previsto al comma 2 del

presente articolo, il soggetto gestore potra' privilegiare le

richieste avanzate dai soggetti disponibili a formalizzare il

contenimento delle tariffe per i servizi erogati agli utenti,

mediante apposite convenzioni.

5. Il soggetto gestore pubblicizza anche per via informatica i

provvedimenti concernenti l'interdizione delle attivita', nonche' le

procedure per il rilascio delle autorizzazioni.

6. L'istanza di autorizzazione e' rigettata previa espressa e

circostanziata motivazione:

a. qualora l'attivita' di cui trattasi sia incompatibile con le

finalita' dell'area marina protetta;

b. in caso di accertata violazione delle disposizioni previste

dalla normativa vigente di settore, dal decreto istitutivo e dal

presente Regolamento;

c. qualora emerga la necessita' di contingentare i flussi

turistici ed il carico antropico in ragione delle primarie finalita'

di tutela ambientale dell'area marina protetta;

7. L'eventuale rigetto dell'istanza di autorizzazione, cosi' come

l'interdizione totale dell'attivita', sara' motivata dal soggetto

gestore esplicitando le ragioni di tutela ambientale o di

inadempienza del soggetto richiedente, sottese al provvedimento.

8. Il provvedimento di autorizzazione verra' materialmente

rilasciato, ove previsto, previa verifica del regolare pagamento dei

corrispettivi e dei diritti di segreteria di cui al successivo art.

31.

Articolo 31 - Corrispettivi per le autorizzazioni e Diritti di

segreteria

1. I soggetti proponenti domanda di autorizzazione sono tenuti al

versamento dei corrispettivi per il rilascio delle relative

autorizzazioni ed i diritti di segreteria.

2. L'entita' dei corrispettivi per le autorizzazioni e i diritti

di segreteria sono stabiliti dal soggetto gestore con autonomo

provvedimento, previamente autorizzato dal Ministero dell'ambiente e

della tutela del territorio e del mare.

3. Il corrispettivo per il rilascio dell'autorizzazione per lo

svolgimento di attivita' di ricerca scientifica e' disposto su base

settimanale, mensile e annuale.

4. Il corrispettivo per il rilascio dell'autorizzazione per lo

svolgimento di riprese fotografiche, cinematografiche e televisive e'

disposto su base giornaliera, settimanale, mensile e annuale.

5. Il corrispettivo per il rilascio dell'autorizzazione per lo

svolgimento delle immersioni subacquee nelle zone B e C e' disposto

su base giornaliera, settimanale, mensile e annuale.

6. Il conispettivo per il rilascio dell'autorizzazione ai centri

di immersione per lo svolgimento di visite guidate subacquee nelle

zone B eCe' disposto su base mensile e annuale.

7. Il corrispettivo per il rilascio dell'autorizzazione per

l'accesso e la navigazione nella zona B dell'area marina protetta e'

disposto su base giornaliera, settimanale, mensile e annuale in

funzione al periodo dell'armamento e alle caratteristiche dell'unita'

navale;

8. Il corrispettivo per il rilascio dell'autorizzazione per

l'ormeggio nelle zone B e' disposto su base giornaliera, settimanale,

mensile e annuale. Per la gestione dei servizi di ormeggio e la

riscossione sul posto dei corrispettivi per l'autorizzazione alla

sosta, il soggetto gestore potra' avvalersi di societa' e soggetti

terzi incaricati a tale scopo.

9. Il corrispettivo per il rilascio dell'autorizzazione per

l'ancoraggio nelle zone B e C e' disposto su base settimanale,

mensile e annuale.

10. Il corrispettivo per il rilascio dell'autorizzazione per le

attivita' di trasporto passeggeri e visite guidate nelle zone B e C

e' disposto su base mensile e annuale in funzione del periodo di

armamento e della portata passeggeri dell'unita' navale. A tal fine,

previo accordo con l'armatore richiedente, il soggetto gestore puo'

richiedere un corrispettivo per ogni titolo di viaggio emesso ai

passeggeri non residenti nel Comune di Ventotene in entrata nell'area

marina protetta.

11. Il corrispettivo per il rilascio dell'autorizzazione per

l'esercizio dell'attivita' di noleggio e locazione di unita' da

diporto e' disposto su base mensile e annuale, in funzione del

periodo di armamento e delle caratteristiche delle unita' navali.

12. Il corrispettivo per il rilascio dell'autorizzazione per

*** ATTO COMPLETO *** http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

18 di 20 21/05/2014 14:03

l'esercizio dell'attivita' di whale watching e' disposto su base

mensile e annuale.

13. Il corrispettivo per il rilascio dell'autorizzazione per

l'esercizio dell'attivita' di pesca ricreativa nella zone B e C e'

disposto su base giornaliera, settimanale, mensile e annuale, in

funzione della tipologia di pesca.

14. I corrispettivi per il rilascio delle autorizzazioni di cui

ai precedenti comrni sono ridotti per i proprietari di unita' navali

in possesso dei requisiti di eco-compatibilita' richiamati ai

precedenti articoli.

15. I pagamenti dei corrispettivi per il rilascio delle

autorizzazioni di cui al presente articolo possono essere effettuati

con una delle seguenti modalita':

a. con versamento sul conto corrente postale intestato al

soggetto gestore dell'area marina protetta "Isole di Ventotene e S.

Stefano", indicando in causale l'autorizzazione richiesta;

b. presso la sede o altri uffici allo scopo designati dal

soggetto gestore.

TITOLO V: DISPOSIZIONI FINALI

Articolo 32 - Monitoraggio e aggiornamento

1. Il soggetto gestore effettua un monitoraggio delle condizioni

ambientali e socio-economiche dell'area marina protetta e delle

attivita' in essa consentite, secondo le direttive emanate dal

Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, e

su tale base redige annualmente una relazione sullo stato dell'area

marina protetta.

2. Ai fini del monitoraggio dell'ambiente marino, il soggetto

gestore puo' avvalersi dei dati e delle informazioni rese disponibili

attraverso il sito istituzionale del Ministero dell'ambiente e della

tutela del territorio e del mare e derivanti dalle attivita'

intraprese in attuazione delle normative poste a tutela dell'ambiente

marino.

3. Il soggetto gestore, sulla base dei dati acquisiti con il

monitoraggio previsto al comma 1, verifica, almeno ogni tre anni,

l'adeguatezza delle disposizioni del decreto istitutivo e del

regolamento di disciplina delle attivita' consentite nell'area marina

protetta concernenti la delimitazione, le finalita' istitutive, la

zonazione e i regimi di tutela delle diverse zone, nonche' le

discipline di dettaglio del presente regolamento, alle esigenze

ambientali e socio-economiche dell'area marina protetta e, ove

ritenuto opportuno, propone al Ministero dell'ambiente e della tutela

del territorio e del mare l'aggiornamento del decreto istitutivo e/o

del presente regolamento.

Articolo 33 - Sorveglianza

1. La sorveglianza nell'area marina protetta e' effettuata dalla

Capitaneria di Porto competente, in coordinamento con il personale

del soggetto gestore che svolge attivita' di servizio, controllo e

informazione a terra e a mare.

2. Il soggetto gestore puo' realizzare accordi e convenzioni con

altri corpi di polizia dello Stato ai fini della sorveglianza

dell'area marina protetta.

Articolo 34 - Pubblicita'

1. Il presente Regolamento, una volta entrato in vigore sara'

affisso insieme al decreto istitutivo e al regolamento di disciplina

delle attivita' consentite, nelle strutture dell'area marina

protetta, nonche' presso le sedi legale ed amministrativa del

soggetto gestore.

2. Il soggetto gestore provvede all'inserimento dei testi

ufficiali del presente Regolamento e del decreto istitutivo dell'area

marina protetta sul sito internet dell'area marina protetta.

3. Il soggetto gestore provvede alla diffusione di opuscoli

informativi e di linee guida del presente regolamento e del decreto

istitutivo presso le sedi di enti e associazioni di promozione

turistica con sede all'interno dell'area marina protetta, nonche'

presso soggetti a qualunque titolo interessati alla gestione e/o

organizzazione del flusso turistico.

4. Il responsabile di ogni esercizio a carattere commerciale

munito di concessione demaniale marittima assicura l'esposizione del

presente Regolamento e del decreto istitutivo dell'area marina

protetta in un luogo hen visibile agli utenti.

Articolo 35 - Sanzioni

1. Per la violazione delle disposizioni contenute nel decreto

istitutivo dell'area marina protetta del 12 dicembre 1997 e nel

presente regolamento, salvo che il fatto sia disciplinato

diversamente o costituisca reato, si applica l'Articolo 30 della

*** ATTO COMPLETO *** http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

19 di 20 21/05/2014 14:03

legge 6 dicembre 1991, n. 394 e successive modificazioni e

integrazioni.

2. Nel caso in cui l'accertata violazione delle disposizioni di

cui al comma 1 comporti una modificazione dello stato dell'ambiente e

dei luoghi, il soggetto gestore dispone l'immediata sospensione

dell'attivita' lesiva ed ordina, in ogni caso, la riduzione in

pristino o la ricostituzione di specie vegetali o animali a spese del

trasgressore, con la responsabilita' solidale del committente, del

titolare dell'impresa e del direttore dei lavori in caso di

costruzione e trasformazione di opere. In caso di inottemperanza al

suddetto ordine, il soggetto gestore provvede all'esecuzione in danno

degli obbligati, secondo la procedura prevista dall'art. 29 della

legge 6 dicembre 1991, n. 394.

3. In caso di accertamento della violazione delle disposizioni

previste nel decreto istitutivo dell'area marina protetta, nel

regolamento di disciplina delle attivita' consentite e nel presente

regolamento, compreso l'eventuale utilizzo improprio della

documentazione autorizzativa, sono sospese o revocate le

autorizzazioni rilasciate dal soggetto gestore indipendentemente

dall'applicazione delle sanzioni penali ed amministrative previste

dalle norme vigenti.

4. Il soggetto gestore provvede, di concerto con la Capitaneria

di porto competente, a predisporre uno schema di verbale per le

violazioni delle disposizioni di cui al comma l, recante gli importi

delle relative sanzioni di cui al precedente comma, e ne fornisce

copia alle autorita' preposte alla sorveglianza dell'area marina

protetta e agli altri corpi di polizia dello Stato presenti sul

territorio.

5. Per le violazioni delle disposizioni di cui al comma 1, le

autorita' preposte alla sorveglianza dell'area marina protetta e gli

altri corpi di polizia dello Stato presenti sul territorio procedono

direttamente all'irrogazione della relativa sanzione, e trasmettono

copia del relativo verbale al soggetto gestore.

6. L'entita' delle sanzioni amministrative pecuniarie per le

violazioni di cui al comma 1 e' determinata dal soggetto gestore con

autonomo provvedimento, previamente autorizzato dal Ministero

dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, entro i

limiti di cui all'art. 30 della legge 6 dicembre 1991, n. 394 e

successive modificazioni e integrazioni.

7. Gli introiti derivanti dall'applicazione delle sanzioni di cui

al presente articolo sono imputati al bilancio del soggetto gestore e

destinati al finanziamento delle attivita' di gestione, coerentemente

con le finalita' istituzionali dell'area marina protetta.

Articolo 36 - Norme di rinvio

1. Per quanto non espressamente richiamato nel presente

Regolamento si fa riferimento alle norme contenute nella legge 6

dicembre 1991, n. 394, e successive modificazioni e integrazioni,

nonche' alle disposizioni contenute nel decreto istitutivo del 12

dicembre 1997.

*** ATTO COMPLETO *** http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

20 di 20 21/05/2014 14:03

Ultimo aggiornamento (Martedì 10 Giugno 2014 10:02)

 
Sondaggi
La visita guidata che ti è piaciuta di più
 
Lista Documenti
Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /home/uqi0m13o/domains/riservaventotene.it/public_html/administrator/components/com_docman/classes/DOCMAN_params.class.php on line 570 Icona File DPR 1639 02.10.1968 "Pesca" (11519)
(AMP "Isole di Ventotene e S.Stefano")

Icona File Decreto istitutivo AMP (6991)
(AMP "Isole di Ventotene e S.Stefano")

Icona File DPR 1639 02.10.1968 "Pesca" (6759)
(Decreti)

Icona File Brochure La Natura (6562)
(BROCHURE AMP-RNS)

Icona File Brochure sotto il mare (6532)
(BROCHURE AMP-RNS)